HUGBIKE-cmyk

Hugbike: non una semplice bici, ma il tandem degli abbracci

in Educazione|Mobilità|News
Hugbike: non una semplice bici, ma il tandem degli abbracci ultima modifica: 2016-05-16T07:40:52+00:00 da Valentina Tibaldi
da

Ce l’ha anche Papa Francesco da quando, il 2 aprile 2014, Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo, gli è stato donato in versione personalizzata total-white da una delegazione di ragazzi autistici. Si tratta di Hugbike, il tandem degli abbracci o #abbraccicletta. A cosa deve l’evocativo, splendido nome? E’ presto detto: contrariamente a quanto accade di solito, grazie a un lungo manubrio questo tandem può essere guidato dal passeggero seduto posteriormente, che circonda chi pedala davanti in un vero e proprio abbraccio.

lettera papa francesco

L’idea è nata da una felice combinazione fra intuizione e necessità, grazie all’impegno e alla motivazione di Mario Paganessi, Direttore Generale Fondazione Oltre il Labirinto onlus. Suo figlio, autistico, iniziava a crescere rendendo difficoltosa l’esperienza della bicicletta, con il rischio di trasformare un innocuo passatempo in una situazione pericolosa. Da un lato, infatti, il peso del ragazzo non consentiva più di utilizzare il seggiolino posteriore; dall’altro, la guida anteriore escludeva l’uso di un tandem tradizionale, in cui non era possibile controllare che tutto andasse bene e, complice il vento che trascinava le parole lontano, non permetteva un’adeguata comunicazione.

Al contrario, questa bicicletta avrebbe permesso a tante persone di andare in bicicletta in assoluta sicurezza. E così, si è deciso di investire in questo sogno a occhi aperti, portato avanti- non senza una serie di iniziali difficoltà dovute soprattutto ai costi- grazie ad alcuni fondamentali incontri e a una fitta rete di collaborazioni sul territorio trevigiano. “Questo progetto nasce per mettere a fattor comune le esperienze di diverse professionalità del nostro territorio – della finanza, della scuola, dell’imprenditoria e del volontariato – allo scopo di dare voce a chi dimostra apparentemente una diversa abilità. L’insieme di queste competenze aiuterà a restituire dignità all’esistenza a tutte quelle persone che per motivi diversi non riescono a competere alla pari in un mondo complesso come l’attuale. È un dovere ma anche una grande soddisfazione” scrive in proposito Gianpiero Michielin, Presidente Banca della Marca.

HUGBIKE-cmyk

Oggi l’iniziativa è sostenuta da importanti sponsor italiani e internazionali ed è diventata una bellissima realtà che facilita la fruizione della bicicletta, tra gli altri, anche a bambini e anziani. E che possiede un ulteriore risvolto sociale: “Da Gennaio 2016 la produzione avviene direttamente come Fondazione Oltre il Labirinto onlusci conferma lo stesso Paganessi; qui alcuni operai specializzati trasmettono la loro esperienza e supervisionano l’operato di ragazzi autistici, che partecipano all’assemblaggio in qualità di volontari. In questo modo, i ragazzi possono trovare una loro collocazione nel mondo del lavoro e, grazie al supporto di tutor qualificati, acquisire competenze preziose per diventare adulti quanto più possibile indipendenti.

assemblaggio hugbike

Perché per le famiglie con componenti affetti da autismo il dramma maggiore è proprio quello: al compimento del diciottesimo anno di età i giovani entrano in un limbo istituzionale e sanitario, in una terra di competenza di nessuno in cui non esistono tutele o riferimenti. Come possono vivere da soli, “dopo di noi”? Si chiedono quotidianamente i genitori, e lottano strenuamente per avere delle risposte istituzionali.

Anche in questo campo, Hugbike si rivela preziosa, finanziando il Villaggio Godega 4Autism, un vero e proprio progetto di co-housing pensato come struttura lavorativa, terapeutica e residenziale, dove le persone autistiche e con altri disturbi non sono isolate, ma possono restare vicino alle loro famiglie.

Per una missione che ha un unico intento, dichiarato sulle pagine social e sul sito di Hugbike, nel quale si può prenotare sin d’ora la propria bicicletta: “la tutela del disabile, della sua dignità”… E del suo sacrosanto diritto di integrarsi nella comunità cui appartiene.

Foto Hugbike

Hugbike: non una semplice bici, ma il tandem degli abbracci ultima modifica: 2016-05-16T07:40:52+00:00 da Valentina Tibaldi
Tags:
Hugbike: non una semplice bici, ma il tandem degli abbracci ultima modifica: 2016-05-16T07:40:52+00:00 da Valentina Tibaldi

Lettrice accanita e scrittrice compulsiva, trova in campo ambientale il giusto habitat per dare libero sfogo alla sua ingombrante vena idealista. Sulla carta è laureata in Lingue e specializzata in Comunicazione per la Sostenibilità, nella vita quotidiana è una rompiscatole universalmente riconosciuta in materia di buone pratiche ed etica ambientale. Ha un sogno nel cassetto e nella valigia, già pronta sull’uscio per ogni evenienza: vivere di scrittura guardando il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Educazione

Go to Top