1ha43a, sei tentativi per riscoprire il valore della terra

in Alimentazione|Cinema|Energia|Fai da te|Natura
1ha43a, sei tentativi per riscoprire il valore della terra ultima modifica: 2016-02-03T08:00:56+00:00 da Valentina Tibaldi
da

La terra non può scomparire” sosteneva la bisnonna della protagonista mentre, a fianco del marito, investiva in terreno il denaro guadagnato poco a poco e faticosamente con il sudore della fronte. 1 ettaro 43 acri: a tanto ammonta la superficie di un appezzamento che, a distanza di generazioni, Monika si trova improvvisamente a possedere. Ed ecco, a questo punto, che nascono i quesiti: come può una donna dei nostri giorni riappropriarsi di un rapporto vero e saldo con la terra? Com’è cambiato il valore di un terreno agricolo nel corso dei secoli e qual è il modo migliore per farlo fruttare in modo consapevole e sostenibile?

poster 1

La risposta a questi interrogativi è 1ha43a, documentario della tedesca Monika Pirch che, con i suoi Sei tentativi di riavvicinarsi alla terra, si è aggiudicato il premio speciale “IYS 2015” come Miglior Film dedicato al tema del Suolo all’Innsbruck Nature Film Festival 2015, membro della rete Green Film Network.

1ha43a INFF

Foto Innsbruck Nature Film Festival

A partire dall’urgenza di sapere e di comprendere, la protagonista prova innanzitutto a stabilire una connessione fisica con la terra: la osserva, la tocca con le mani, si sdraia nel campo ereditato mentre, parallelamente, interroga esperti, consulenti dell’amministrazione locale, vicini e agricoltori.

Non sapevo nulla del valore reale della terra e tantomeno di come coltivarla. E, come me, il resto- o perlomeno gran parte- della popolazione in Germania. Ecco perché ho pensato che raccontare questa storia fosse necessarioci ha rivelato la regista, con cui abbiamo parlato del film. Il suo è stato un approccio a 360°, che ha coinvolto in un’analisi approfondita tutte le risorse a disposizione: le potenzialità dell’appezzamento per un’eventuale vendita o rendita del bene immobile, le caratteristiche del suolo che lo ricopre, il vento che vi soffia e che può generare energia, la produzione di patate.

1ha43a_campo

Il film parla di “connessione”. Mi auguro che il pubblico impari a conoscere e ad amare il mio campo, anche se in fondo non ci sono informazioni specifiche in proposito: la mia potrebbe essere la terra di qualunque agricoltore”.

Nel corso di un anno di tentativi più o meno fallimentari, che si sviluppano a cavallo tra immagini del passato dei suoi avi e le sfide presenti e future, Monika si rende conto di una grande verità: ai nostri giorni, il 2% della popolazione ha l’onere e la responsabilità di nutrire il restante 98%.Durante le mie ricerche, sono rimasta affascinata dal materiale storico rinvenuto e dai metodi tradizionali di coltivazione di cui sono venuta a conoscenza. Ovviamente il passato non porterebbe necessariamente a pratiche agricole più sostenibili oggi – ma guardare indietro può chiarire in che modo è stata persa la connessione con quel che ci nutre ogni giorno. Solo poche persone lavorano effettivamente la terra e coltivano cibo, mentre in molti hanno perso contatto con questa dimensione e, di conseguenza, con il proprio senso di responsabilità.”

1ha_43a_monika pirch

Il tema del suolo è dunque intimamente relazionato a questioni fondamentali come la sostenibilità (la terra fertile è una risorsa non rinnovabile che, se sfruttata, aggredita o fertilizzata in modo eccessivo o sbagliato, scompare per sempre) e una sovranità alimentare messa a rischio da pratiche inique e disumane come il land grabbing.

La mia speranza è che, dopo il film, gli spettatori adottino uno sguardo differente, più consapevole e compassionevole, e abbiano più opzioni a disposizione per stabilire un contatto con il valore della terra” conclude la regista. “Il film è un reportage che mira ad affrontare il tema da diverse prospettive, così da creare un quadro più ampio, interessante e coinvolgente”.

Il risultato è un punto di vista personale, fresco, poetico e a tratti umoristico, su quel che 1 ettaro e 43 acri di terra possono offrire a occhi attenti e braccia operose.

1ha43a, sei tentativi per riscoprire il valore della terra ultima modifica: 2016-02-03T08:00:56+00:00 da Valentina Tibaldi
Tags:
1ha43a, sei tentativi per riscoprire il valore della terra ultima modifica: 2016-02-03T08:00:56+00:00 da Valentina Tibaldi

Lettrice accanita e scrittrice compulsiva, trova in campo ambientale il giusto habitat per dare libero sfogo alla sua ingombrante vena idealista. Sulla carta è laureata in Lingue e specializzata in Comunicazione per la Sostenibilità, nella vita quotidiana è una rompiscatole universalmente riconosciuta in materia di buone pratiche ed etica ambientale. Ha un sogno nel cassetto e nella valigia, già pronta sull’uscio per ogni evenienza: vivere di scrittura guardando il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Alimentazione

Go to Top