coffeetopia3

Foglie d’autunno, quando uomo e natura creano insieme opere d’arte

in Arte|Educazione|Natura|Scuola
Foglie d’autunno, quando uomo e natura creano insieme opere d’arte ultima modifica: 2015-11-27T08:00:54+00:00 da Irene Messina
da

I primi freddi sono ormai alle porte e manca poco all’inizio dell’inverno. Se passeggiamo per i parchi cittadini o facciamo una camminata in montagna, i nostri piedi calpesteranno soffici tappeti variopinti dei colori più sgargianti e il nostro sguardo si perderà tra foglie gialle, arancioni, rosse e amaranto dalle mille venature e sfumature. I colori dell’autunno sono sempre uno spettacolo per gli occhi e un balsamo per l’anima, da quando gli alberi li sfoggiano sulle loro chiome a quando le strade ne accolgono i resti.

autunno-

Da sempre nelle scuole dell’infanzia, le foglie sono oggetto di studio e protagoniste di esercizi didattici e lavoretti creativi. Nelle giornate d’autunno le maestre accompagnano le loro classi all’aperto, a caccia delle foglie più belle e originali da incollare su quaderni e cartelloni, scatenando la fantasia dei bambini.

A questo proposito Mehdi Mo’eeni, artista iraniano, già nel 1984 aveva realizzato delle splendide illustrazioni composte soltanto da foglie autunnali che rappresentano diverse specie animali.

foglie autunnoIl libro che raccoglie le illustrazioni-collage s’intitola Leaves, (foglie) ed era stato pensato proprio per insegnare ai bambini l’arte del creare figure e disegni utilizzando gli elementi della natura. Ancora oggi le sue illustrazioni, reperibili e consultabili sul sito della casa editrice, possono ispirare laboratori creativi per avvicinare i più piccoli al ciclo delle stagioni e alla bellezza della natura.

autunno foglieE un altro artista più contemporaneo ha fatto delle foglie d’autunno il supporto per la sua arte. È l’indonesiano Ghidaq al-Nizar, divenuto famoso in rete grazie alla sua bravura nell’utilizzare le foglie autunnali come tela per le sue opere. La sua però è un’arte del tutto particolare, ribattezzata da lui stesso #zerowastecoffee, perché la pittura utilizzata per creare i disegni sulle foglie non è altro che l’essenza del caffè che resta sul fondo della sua tazza la mattina e utilizzata come un acquerello.

Niente va sprecato, anche i granuli caduti sul fondo della tazzina trovano spazio all’interno delle composizioni. Il risultato è una serie di scene color seppia affascinanti ed evocative, caratterizzate da una bellissima miscela d’autunno e di sfumature marroni di caffè. Nessuna vernice dunque, nessun colorante sintetico, ma solo elementi della natura che si combinano insieme per creare opere d’arte a impatto zero. L’unico attrezzo “normale” utilizzato da Ghidaq è un piccolo pennello per distendere il caffè sulle foglie e creare le bellissime illustrazioni. (Per visionarle: coffeetopia su Instagram)

coffeetopia1

Save the Earth, it’s the only planet with coffee!” scrive Ghidaq sulla sua pagina Facebook, lanciando anche un messaggio di sostenibilità e di tutela nei confronti dell’ambiente che lui per primo si impegna a rispettare con la sua arte.

Insieme, uomo e natura, posso creare arte e bellezza; non è una novità. Abbiamo solo bisogno di ricordarcelo più spesso. Per fortuna c’è chi ci rinfresca la memoria.

coffeetopia4

 

Foglie d’autunno, quando uomo e natura creano insieme opere d’arte ultima modifica: 2015-11-27T08:00:54+00:00 da Irene Messina
Tags:
Foglie d’autunno, quando uomo e natura creano insieme opere d’arte ultima modifica: 2015-11-27T08:00:54+00:00 da Irene Messina

Classe 1986, vive a Torino, metà Piemontese e metà Siciliana. Dopo un master sulla Comunicazione per la Sostenibilità Ambientale, si butta a capofitto in quelle che sono le sue passioni: ambiente, educazione e scrittura. Tutto comincia con la pubblicazione di un libro di favole a tema green che diffonde nelle scuole con uno spettacolo. Da lì, il passo è breve per diventare educatrice ambientale, in collaborazione con un’associazione che sviluppa percorsi di educazione alla sostenibilità e fattoria didattica. In costante ricerca di posti nuovi da scoprire, meglio se naturali e incontaminati, ha una vera ossessione per il viaggio che non le impedisce mai di trovare un momento per partire, zaino in spalla e taccuino in tasca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Arte

Go to Top