Speciale “Matrimonio Green”: la scelta delle fedi

in Decrescita|News|Riuso
Speciale “Matrimonio Green”: la scelta delle fedi ultima modifica: 2015-09-05T08:31:57+00:00 da Elena Broggi
da

Eccoci arrivati ad un nuovo appuntamento con lo speciale “Matrimonio green”,  la nostra avventura targata eHabitat.it nell’organizzazione del vostro giorno più bello con uno sguardo alla sostenibilità e al rispetto del nostro pianeta! I nostri ultimi sforzi si sono concentrati sulla ricerca degli abiti perfetti per convolare a giuste nozze; vediamo ora come scegliere il simbolo più importante che suggellerà il nostro amore: le fedi.

Gli anelli che sceglieremo di scambiarci il giorno del matrimonio sono il simbolo tangibile dell’impegno che ci assumiamo, il dono reciproco che gli sposi porteranno all’anulare sinistro ogni giorno. La scelta è quindi importante, sia perché rappresenta un simbolo ricco di significati sia perché la fede che scegliamo “troneggerà” in bella mostra sul nostro dito per molto tempo (si spera!). L’estrazione dell’oro con cui molto spesso si realizzano le classiche fedi nuziali ha un forte impatto ambientale da non sottovalutare: per ottenere pochi grammi di questo prezioso metallo è necessario rivoltare tonnellate di terra e utilizzare ingenti quantità di prodotti chimici per estrarre l’oro dagli altri metalli a cui è legato. Qualche idea per essere green anche in questa scelta?

Un riciclo… con il cuore
Possiamo fare una scelta ecologica e di cuore riutilizzando le fedi dei nostri nonni! Spesso (e purtroppo) quando si decide di convolare a nozze può capitare di non avere più al nostro fianco i nostri amati nonni. Provate a chiedere ai vostri genitori se sono state conservate le loro fedi: sono il simbolo della famiglia che continua e un’alternativa che permette di non acquistare nuovi anelli.

Riciclo
Ovviamente quella precedente non è una soluzione praticabile per tutti ma in alternativa possiamo pensare di riciclare tutti quei gioielli d’oro che ci sono stati regalati negli anni ma che non indossiamo mai e finirebbero buttati. Alzi la mano chi non ha nel cassetto gli orrendi orecchini a forma di delfino che ci hanno regalato per la prima comunione, quella collanina mai messa che da circa quindici anni è rimasta rinchiusa nella sua preziosa scatoletta della gioielleria, il braccialetto rotto che non abbiamo mai fatto riparare ma che conserviamo per ricordo e chi più ne ha più ne metta! Evitiamo ulteriori inutili sprechi, prendiamo tutte queste cose e rivolgiamoci a un abile orafo che provvederà a fondere tutto e a realizzare delle fedi per il nostro matrimonio!

Le fedi… alternative
Chi ha detto che le fedi nuziali devono per forza essere in oro? Se vogliamo, siamo liberi di scegliere fedi fatte di materiali che hanno un minor impatto sull’ambiente. Ad esempio possiamo scegliere le creazioni di Woodpassion che realizza stupendi anelli in legno. Per le sue creazioni, Woodpassion si impegna a utilizzare legnami provenienti da zone in cui lo sfruttamento delle aeree boschive è rigidamente disciplinato e in particolare si dedica al recupero di scarti di altre lavorazioni come per esempio, le rimanenze delle falegnamerie, gli scarti dei restauratori o il recupero di mobili dismessi e non recuperabili.  Creazioni uniche e particolari che renderanno speciale ed estremamente ecologico la nostra promessa d’amore.

http://www.woodpassion.org/

Le fedi etiche
Se desideriamo comunque regalarci delle tradizionali fedi d’oro possiamo orientare la nostra scelta su gioielli realizzati con oro “etico”. Negli ultimi anni sono molte le ditte orafe che si sono impegnate nella realizzazione di gioielli contro lo sfruttamento delle popolazioni locali e delle loro terre. Ne è un esempio la Gioielleria Belloni che realizza fedi nuziali con oro estratto dalle popolazioni del Sud America senza che questi inquinino i propri territori.

http://www.gioielleriabelloni.com/

Queste sono solo alcune idee per scegliere cosa scambiarsi nel giorno del “si”. Qualche neo sposino ha qualche altra idea alternativa da raccontarci? A voi la parola!

Speciale “Matrimonio Green”: la scelta delle fedi ultima modifica: 2015-09-05T08:31:57+00:00 da Elena Broggi
Tags:
Speciale “Matrimonio Green”: la scelta delle fedi ultima modifica: 2015-09-05T08:31:57+00:00 da Elena Broggi

Biologa, educatrice ambientale ed attualmente educatrice prima infanzia, si specializza in Food and Green Education all'Alta Scuola per l'Ambiente. Nelle sue professioni, apparentemente con poco in comune tra loro, ha trovato il modo di unire le sue passioni più grandi: l'ambiente, l'infanzia e la sostenibilità. Di giorno educatrice al nido e di sera tiene corsi di autoproduzione di cosmesi. Vive in un paesino di campagna e nella sua testa il mondo perfetto è quello delle 3 C: consapevolezza, condivisione e comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*