inuit

Come trovare il fresco in questa calda estate: alla scoperta dei popoli del grande freddo

in Cinema|Clima|Libri|Viaggi
Come trovare il fresco in questa calda estate: alla scoperta dei popoli del grande freddo ultima modifica: 2015-07-25T09:00:07+00:00 da Silvia Faletto
da

Fa caldo: è un dato di fatto.

Le temperature cittadine sono talmente bollenti da ricordare l’estate del 2003, tuttora considerata la più calda degli ultimi decenni. Gli esperti dicono che questa parentesi è destinata ad estinguersi presto, ma intanto in tutta Italia si guarda con preoccupazione alle temperature costantemente superiori ai 35°.

A meno che non si possegga una camera frigorifera personale o una fornitura di ghiaccioli a vita, l’opzione migliore sembra essere la fuga al Polo Nord o, almeno, cercare di portarne un po’ a casa nostra. Come? Avvicinandosi  al mondo dei popoli del grande freddo.

Sin dall’antichità queste popolazioni hanno saputo mantenere vive le proprie usanze in totale armonia con le forze naturali che li circondano, tramandando da una generazione all’altra la capacità di trarre dal clima ciò che serve per la sopravvivenza, senza mai alterarne gli equilibri e affrontando le intemperie con coraggio, calma, sorriso e rispetto: tratti distintivi della Cultura di cui fanno parte.

inuit a caccia

Tuttavia, è solo negli ultimi anni questa Sapienza millenaria ha preso coscienza di sé, riuscendo a trovare nuove vie di dialogo con il resto del mondo, spesso prevenuto e inconsapevole rispetto a queste tradizioni. La strada del confronto è ancora lunga e densa di problematiche, ma é grazie ai passi compiuti nella direzione della conoscenza che si è giunti alla costituzione dello stato indipendente di Nunavut, oggi riconosciuto come voce autorevole e indipendente, in particolare sul tema del cambiamento climatico in atto.

In questo processo culturale, gli italiani sono protagonisti. Già nel 1944 nacque a Forlì l’istituto geografico polare, che si concretizzò nel 1969 nel Museo Polare di Fermo (Marche), primo del genere in Italia, e nella grande Biblioteca Polare annessa, contenente circa 3000 volumi e 16.000 riviste concernenti le tematiche artiche, e nella pubblicazione della rivista “il Polo”, che dal 1944 divulga le diverse ricerche in questo ambito.

Per preparare la visita del museo, ideale durante le vacanze estive sulla costa adriatica, si può guardare il film “Atanarjuat il corridore, basato su una leggenda inuit tramandata oralmente lungo i secoli, dove l’unità della comunità e il perdono sono i principi cardine della storia raccontata. La pellicola, uscita al festival di Cannes del 2011, costituisce certamente un caso cinematografico importante: è il primo film girato in lingua Inuktitut ad opera di un regista Inuit, Zacharias Kunuk.

atanarjuat the fast runner

Infine, se siete stregati dal bianco di questo mondo, leggete i libri “Dove il vento grida più forte o “colori del ghiaccio dell’alpinista Robert Peroni, trasferitosi a Tasiilaq – Groenlandia – circa 40 anni fa e che oggi gestisce la Casa Rossa, un luogo di ritrovo per i giovani Inuit in cerca di un lavoro che permetta di mantenersi senza perdere le proprie tradizioni. Qui, grazie alle iniziative di turismo responsabile e dialogo interculturale – sempre nel rispetto del clima di cui si fa parte – è possibile scoprire nuove opportunità e speranze per questa cultura millenaria eppure fragilissima, schiacciata dal consumismo contemporaneo. 

Così parlò Caitlyn Baikie, una studentessa Inuit di Nain, nel Nunatsiavut:

Come Inuit, le nostre vite sono legate alla natura e per questo abbiamo un grande rispetto per la forza di Madre Natura. La terra, il mare e il clima ci definiscono culturalmente e la nostra cultura cambierà per sempre a causa dei cambiamenti che stanno avvenendo. 

Non vi parlo come esperta di cambiamenti climatici ma come chi vede con i propri occhi come le persone vengono influenzate dal clima in ogni aspetto della propria vita. Ho potuto osservare che le conoscenze tradizionali degli Inuit sono in accordo con la ricerca scientifica ed è meraviglioso essere parte di questo sforzo collettivo. Collettivamente, noi Inuit contribuiamo molto poco ai fattori che causano cambiamenti climatici ma siamo sicuramente fra quelli più colpiti.” 

Vale la pena mettere un po’ di fresco nella nostra estate sapendone di più.

Come trovare il fresco in questa calda estate: alla scoperta dei popoli del grande freddo ultima modifica: 2015-07-25T09:00:07+00:00 da Silvia Faletto
Tags:
Come trovare il fresco in questa calda estate: alla scoperta dei popoli del grande freddo ultima modifica: 2015-07-25T09:00:07+00:00 da Silvia Faletto

25 anni, vive a Torino, dove studia geografia e lavora presso la scuola del Cottolengo con bambini meno fortunati di lei. Orgogliosamente eporediese (abitante di Ivrea, per i neofiti), la battaglia delle arance è un nervo scoperto del suo carattere: a coloro che la definiscono "poco ecologista" è in grado di rispondere argomentando il contrario! Ama andare in montagna, nuotare, viaggiare, conoscere ed aiutare gli altri. Curiosa ed attenta al mondo, odia i pregiudizi ed il "è impossibile!". Ritiene che l'esperienza e il confronto siano il fondamento della civiltà e della cultura, e per questo... Fa molti errori. Ama scrivere, sorridere e prova ogni giorno a lasciare il mondo un po' migliore di come l'ha trovato. Oltre a lavorare a scuola e studiare all'università, parla 4 lingue ed è un' europrogettista. Ultimamente si sta appassionando alla fotografia. Il suo motto? "la geografia salverà il mondo!".

1 Commento

  1. Ringrazio Silvia Faletto per avere menzionato l’Istituto Geografico Polare “Silvio Zavatti”. Informo che dal 24 ottobre avrà luogo a Villa Vitali, Fermo (sede dell’Istituto) una mostra sul Cibo Artico, col patrocinio di EXPO 2015.
    Attendiamo una sua visita…

    Maria Pia Casarini
    Direttore IGP Zavatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Cinema

Go to Top