L'ambiente è di casa

BuzzeriaSimo1

A suon di spazzatura, quando il rifiuto si fa musica

in Cultura|Fai da te|Musica|Rifiuti|Riuso
A suon di spazzatura, quando il rifiuto si fa musica ultima modifica: 2015-07-17T08:00:02+00:00 da Irene Messina
da

Di riciclo creativo se ne parla ormai da anni e in moltissime circostanze. Esistono migliaia di siti web e blog che ci forniscono suggerimenti su come trasformare i rifiuti in oggetti curiosi e originali e altrettanti libri che ci mostrano passo passo come assumere le vesti dell’inventore squattrinato che con poche cose, per giunta rotte, riesce a farne di grandi e invidiabili. Spaziamo dalle creazioni più complesse, in cui si cimentano solo i più fantasiosi e dotati di buona manualità, alle cose più semplici, dove la pratica del riciclo diventa per lo più un gioco divertente, araldo di un messaggio fondato sulle buone pratiche e il consumo critico.

riciclo-creativo-cassette-frutta

Ma c’è anche chi di riciclo creativo ne ha fatto una passione e un lavoro, e a suon di musica non solo ridà vita ai rifiuti, ma li trasforma in veri protagonisti di successo. Sto parlando dei “Miatralvia” e del “Riciclato Circo Musicale”, due band italiane di giovani musicisti che hanno dato voce alla spazzatura trasformando i rifiuti in strumenti musicali con cui eseguono i loro brani ottenendo suoni bellissimi e originali che nulla hanno da invidiare a vere chitarre, flauti e tamburi.

BuzzeriaSimo1

I Miatralvia (non buttarlo via in dialetto) sono cinque ragazzi emiliani appassionati di musica che dopo aver tenuto laboratori di riciclo nelle scuole e nei centri culturali tramite una cooperativa, hanno deciso di sfidare la loro creatività. Perché non dimostrare a tutti di cosa sono davvero capaci quegli oggetti che ogni giorno vanno a riempire le discariche delle città? È così che vecchi telefoni, scope di legno, bidoni della spazzatura, tubi del wc e ciabatte infradito sono diventati perfetti microfoni, chitarre elettriche, batterie e percussioni. Grazie a questa strumentazione originale, i Miatralvia ripropongono canzoni conosciute del panorama italiano e internazionale in una veste totalmente moderna e personale.

3338767_orig

Una storia simile è quella del Riciclato Circo Musicale, quattro musicisti italiani accumunati dalla passione per la continua ricerca e sperimentazione sonora. Oltre a emulare veri strumenti musicali, la band si è interessata in particolare all’uso degli scarti elettronici per inventare e creare strumenti del tutto nuovi e fantasiosi, come il Casalingatore, un sintetizzatore analogico fatto di casalinghi, elettrodomestici e giochi elettronici per bambini e il Vignarolophon, un asciugacapelli che suona come un flauto. Da qui la nascita del loro nuovo genere musicale: l’Elettrodomestica. Oltre a esibirsi in concerto, gli RCM tengono laboratori e corsi di riciclo e sul loro sito web c’è uno spazio dedicato a tutti i fantastici strumenti che hanno costruito da cui trarre ispirazione.

9-9

Se siete appassionati di musica e attenti all’ambiente, apprezzerete sicuramente la musica “riciclata” e chissà, magari potreste inventare anche voi il vostro personalissimo strumento!

A suon di spazzatura, quando il rifiuto si fa musica ultima modifica: 2015-07-17T08:00:02+00:00 da Irene Messina
Tags:
A suon di spazzatura, quando il rifiuto si fa musica ultima modifica: 2015-07-17T08:00:02+00:00 da Irene Messina

Classe 1986, vive a Torino, metà Piemontese e metà Siciliana. Dopo un master sulla Comunicazione per la Sostenibilità Ambientale, si butta a capofitto in quelle che sono le sue passioni: ambiente, educazione e scrittura. Tutto comincia con la pubblicazione di un libro di favole a tema green che diffonde nelle scuole con uno spettacolo. Da lì, il passo è breve per diventare educatrice ambientale, in collaborazione con un’associazione che sviluppa percorsi di educazione alla sostenibilità e fattoria didattica. In costante ricerca di posti nuovi da scoprire, meglio se naturali e incontaminati, ha una vera ossessione per il viaggio che non le impedisce mai di trovare un momento per partire, zaino in spalla e taccuino in tasca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Cultura

Go to Top