Un italiano medio che va al cinema

in Ambiente|Cinema
Un italiano medio che va al cinema ultima modifica: 2015-02-19T08:08:22+00:00 da Ivan Grasso
da

Italiano-medio-di-Maccio-Capatonda-sinossi-ufficiale-e-prime-foto-2

Giulio Verme è un ambientalista convinto e attivista, che sulla soglia dei 40 anni si ritrova in crisi depressiva a lavorare alla raccolta differenziata in un centro di smistamento rifiuti nella periferia di Milano. Fidanzato da tempo con Franca, vive la sua vita tra inutili lotte ambientaliste e assurde petizioni per salvaguardare specie rare di animali. Questo lo porta ad estraniarsi e ad essere in conflitto con tutti e tutto, persino con la sua compagna con cui da sempre incontra complicità, ora sembra anche lei stufa e logora da questo rapporto.

Adirato e umiliato di continuo incontra colui che gli permetterà di dare una svolta definitiva alla sua vita. E così, calpestando tutti i suoi vecchi valori, si libererà di tutti quegli orpelli culturali e si trasformerà nell’Italiano Medio. Alfonzo, l’autore di questo cambiamento, è un suo vecchio amico di scuola che durante un incontro fortuito gli propone un rimedio per tutti i suoi problemi: una pillola miracolosa che gli farà usare solo il 2% del proprio cervello anziché il 20%. Sì innescherà in questo modo una battaglia interiore nella quale si affronteranno il nuovo Giulio, uomo sprezzante del pericolo e della vita che pensa solo al calcio, al sesso e ai reality, al Giulio ancora avido di cultura e sensibile alle problematiche ambientali.

maccio

Maccio Capatonda, alias Marcello Macchia, diventa così regista che tenta di imbastire un film tutto sommato sufficientemente godibile. Riprende il tutto con movimenti essenziali e didattici, ma compie un ottimo lavoro di montaggio e nel costruire la storia che infine non è priva di colpi di scena e la trama non si limita ad un’accozzaglia di singoli sketch tenuti insieme da colla scadente, ma ne scaturisce una storia lineare e ben scritta che rende il film gradevole e spassoso.

La pellicola si arricchisce inoltre di moltissime citazioni di film, telefilm e di autocitazioni senza cadere però nell’autocelebrazione cosa di cui si temeva parecchio. Il cast di attori è pressoché lo stesso che già conoscono gli appassionati di Maccio e che sfoggia nel suo film come se fosse un circo di mostruosità e rarità allo stesso tempo.

maccio 2

Ed infine, ma non per importanza, interessanti gli spunti su cui gioca il regista criticando dall’inizio alla fine, con commedia e comicità i vizi degli italiani, le loro depravazioni e perversioni, nonché l’immoralità e la corruzione; le tematiche ambientali di cui nessuno parla e che in pochi si occupano. Diventando una di quelle comicità geniali che presentano più livelli di lettura a seconda dello spettatore. Possiamo infine confermare che alcune scene del film servivano a far ridere in sala soltanto le persone che inconsapevolmente si rivelavano come italiani medi. Un piccolo genio del male.

“Italiano medio” è un film che di certo non sarà mai definito come un’ottima pellicola ma che sicuramente potrà far riflettere a chi si discosta dalla sua mediana.

DATA USCITA: 29 gennaio 2015

GENERE: Comico, Commedia

ANNO: 2015

REGIA: Maccio Capatonda

PAESE: Italia

DURATA: 90’

 

Un italiano medio che va al cinema ultima modifica: 2015-02-19T08:08:22+00:00 da Ivan Grasso
Tags:
Un italiano medio che va al cinema ultima modifica: 2015-02-19T08:08:22+00:00 da Ivan Grasso

Ivan grasso nato a Vercelli nel 1980 si è laureato in Scienze Naturali ed ha seguito svariati corsi di fotografia naturalistica e di disegno naturalistico. Ha conseguito il patentino da accompagnatore naturalistico nel 2006 e da allora collabora con cooperative e associazioni come accompagnatore naturalistico ed educatore ambientale. Si occupa di lotta biologica alle zanzare e insegna materie scientifiche nelle scuole. Ha partecipato a piccole mostre contest ed altre benefiche. "Nel tempo libero leggo, scrivo poesie, piccole sceneggiature, adoro il cinema, il fumetto e amo lavorare il legno in ogni sua forma, da qui la passione per la pirografia."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ambiente

Go to Top