6a0120a61aa83a970c015436cebbc1970c-550wi

Sette domande a Linda McGurk: consigli pratici per giocare all’aperto

in Educazione|Genitori Green|Natura
Sette domande a Linda McGurk: consigli pratici per giocare all’aperto ultima modifica: 2015-02-16T08:00:31+00:00 da Silvia Musso
da

Qual è l’abbigliamento giusto per giocare all’aria aperta? Quali giochi si possono organizzare in mezzo alla natura? È il caso di uscire quando piove? Quanti sono i dubbi e le preoccupazioni dei genitori riguardo al gioco all’aperto!

giocare all'aperto

Abbiamo rivolto queste e altre domande a Linda McGurk, scrittrice e fotografa svedese trapiantata negli Stati Uniti, che abbiamo conosciuto di recente.

Linda è anche una mamma e cura un blog per sensibilizzare gli adulti a incentivare il gioco all’aperto dei propri figli: “Rain or shine Mamma – There’s no bad weather, only bad clothes“.

La sua ricetta sembra essere semplice: lana sulla pelle, un po’ di fango e gioco non strutturato.

Linda, quali sono i vestiti adatti per giocare all’aperto anche d’inverno?

Quando fa freddo o per i climi più freddi, è molto importante sapere come sovrapporre correttamente gli indumenti. Lo strato di base, che è più vicino alla pelle, dovrebbe essere lana o sintetica, ma mai cotone. Lana e materiali sintetici tengono lontano l’umidità dalla pelle e mantengono il caldo, mentre il cotone è un materiale freddo che ti fa sentire bagnato quando si suda. Per lo strato centrale, una giacca in pile o una felpa più pesante funzionano bene. Infine, lo strato esterno dovrebbe proteggere da pioggia, neve e vento. Più freddo è il clima e più bassa è la temperatura, più lo strato esterno deve essere bene isolato.

giocare all'aperto

I genitori hanno sempre paura che i loro figli sudino, ma sudare è normale. Cosa consigli quando i bambini sudano troppo?

Sì, la sudorazione è del tutto normale e non c’è nulla di cui preoccuparsi. In estate, quando fa caldo, provate a cercare attività che coinvolgano l’acqua. In inverno invece l’unico consiglio è usare indumenti intimi di lana per stare al caldo e all’asciutto nonostante la sudorazione. Funziona anche per gli adulti!

Un’altra paura dei genitori è che i figli possano sporcarsi. Cosa diresti loro per tranquillizzarli?

Sarei molto più preoccupata per le tossine presenti nei più comuni detergenti per la casa che per un po’ di sporco. è stato effettivamente dimostrato che i batteri presenti nel suolo possono essere benefici per la nostra salute, mentre se si rimane troppo puliti si ha l’effetto opposto. In altre parole: un po’ di sporco va bene! Inoltre, se vogliamo che i nostri figli amino trascorrere del tempo in natura, credo che dobbiamo permettere loro di sporcarsi. La maggior parte delle macchie, sia sui bambini che sui loro abiti, possono essere lavati via facilmente.

giochi con fango

Come dobbiamo comportarci nei giorni di pioggia?

Nella mia esperienza, i bambini di solito non si fanno problemi a giocare sotto la pioggia, ma a volte hanno bisogno di un po’ di motivazione in più. Saltare nelle pozzanghere, far correre i sassi nel torrente, giocare con il fango e raccogliere (liberandoli subito dopo) lombrichi sono alcuni dei giochi preferiti delle mie bimbe. Un’altra idea è quella di portar fuori alcuni giocattoli per la sabbia e creare una semplice cucina di fango con le vecchie pentole e padelle. Un buon equipaggiamento è importante affinché i bambini possano divertirsi all’aperto anche quando piove.

Quali giochi all’aperto consigli?

Ci sono innumerevoli cose da fare fuori e molte attività le ho descritte sul mio blog. Tuttavia, quello che sento è che la maggior parte dei bambini di oggi ha bisogno di un gioco non strutturato in natura. La maggior parte dei giorni, non organizzo nulla, ma semplicemente lascio che le mie figlie prendano l’iniziativa. A volte, vogliono cercare rane nel torrente, a volte vogliono arrampicarsi sugli alberi, a volte vogliono rintracciare animali nella neve – e tutto va bene. Il mio consiglio è quello di trovare un posto in natura che si ama e in cui tornare spesso!

È pericoloso giocare all’aperto? Non è forse più sicuro stare in casa protetti dalle pareti domestiche?

Purtroppo penso che molti genitori abbiano paura della vita all’aria aperta, ma dobbiamo ricordare che questa paura non è del tutto razionale. Certo, ci sono dei rischi. Ma ci sono anche rischi nel lasciare i vostri bambini tutto il giorno in casa come l’obesità e l’inattività. Anche se non ho mai lasciato fare alle mie figlie qualcosa che ritenevo pericoloso, credo fermamente che abbiano bisogno di sperimentare alcuni rischi al fine di imparare a gestirli. Ginocchia o gomiti sbucciati sono una normale parte dell’infanzia.

Ma ci sono dei giorni in cui decidi che è meglio non uscire e rintanarsi in casa?

Quando c’è un temporale o altri eventi meteorologici estremi restiamo dentro. Ad esempio, a volte abbiamo forti tempeste con allarme tornado e ovviamente non andiamo fuori in quelle condizioni, ma questo è piuttosto raro. Io vivo secondo il motto “Non c’è cattivo tempo, ma solo cattivi vestiti”. Noi andiamo fuori quasi tutti i giorni.

Sette domande a Linda McGurk: consigli pratici per giocare all’aperto ultima modifica: 2015-02-16T08:00:31+00:00 da Silvia Musso
Tags:
Sette domande a Linda McGurk: consigli pratici per giocare all’aperto ultima modifica: 2015-02-16T08:00:31+00:00 da Silvia Musso

Una laurea in Antropologia Culturale all'Università Ca' Foscari di Venezia, e un Master in Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio. Alla guida di AICA (Associazione Internazionale Comunicazione Ambientale) ha portato in Italia la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, coordinandone le prime due edizioni. Giornalista, non solo in campo ambientale ma anche sociale, da quando è diventata mamma del piccolo Ettore è sempre più attenta alla sua impronta ecologica e anche a quella di tutta la famiglia. Convinta dal marito, si è trasferita a Tonco, un piccolo comune nelle colline del Monferrato, dove sta imparando a fare l'orto e ad allevare oche e galline. Per Econote.it cura la seguitissima rubrica “Mamme&Papà green” in cui parla di natura e di bimbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Educazione

Go to Top