smog journey

Smog Journeys: l’inquinamento in Cina in sette minuti

in Cinema|Clima
Smog Journeys: l’inquinamento in Cina in sette minuti ultima modifica: 2015-01-24T08:30:03+00:00 da Sara Merlino
da

Una mascherina per la bocca può diventare un accessorio quotidiano, di abbigliamento, da indossare tutti i giorni, come una sciarpa quando fa freddo? Succede in Cina ed è una delle cose che colpiscono immediatamente del documentario di Jia Zhangke. Come spesso accade, la quotidianità delle piccole cose riesce a comunicare in maniera diretta e arriva dritta al cuore.

smog journey

E così, in Smog journey, documentario di appena 7 minuti commissionato da Greenpeace al regista cinese già vincitore del Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2006, delinea in pochi tratti quella che è la vita di milioni di persone. Lo fa attraverso due famiglie cinesi, di diversa estrazione sociale, una di minatori e l’altra di designer di moda residenti rispettivamente nella provincia di Hebei e di Pechino. Queste due aree sono caratterizzate da un enorme tasso di inquinamento da PM2,5. Solo nel 2012 nella provincia di Hebei, che confina con l’area metropolitana di Pechino, sono stati consumati 313 milioni di tonnellate di carbone, la maggior causa di smog. La loro vita ai piedi di enormi ciminiere, in ospedale, a scuola, per strada, e tra le mura domestiche fa i conti ogni giorno con un’aria pesante, densa e grigia. Impossibile percepire i colori del cielo e del mondo intorno a sè. Non resta che scoprirli in un film oppure in un quadro.

smog_journey

 I dati diffusi da Greenpeace ci dicono qualcosa di estremamente allarmante: oltre il 90% delle 190 città prese in esame supera i limiti consentiti relativamente alla concentrazione media annuale dei livelli di particolato ultrafine (Pm 2.5) nell’aria. Per questo alcune città situate nell’area di cui parla il film, devono convivere per ben 100 giorni all’anno con una foschia spessa e con una concentrazione di PM 2,5 che supera di quattro volte quella consentita. Jia Zhangke spiega in un’intervista, di aver voluto aprire gli occhi alla gente con questo film.

Lo smog è un problema dalle proporzioni colossali e per capirlo bastano davvero 7 minuti di disarmante verità in cui ciò che vediamo è un popolo che si adatta e convive con uno scenario davvero inquietante. “Greenpeace chiede al governo cinese maggior rispetto dei piani di azione nazionali e locali, che prevedono la chiusura delle industrie più sporche, la riduzione del consumo locale di carbone, lo sviluppo delle energie rinnovabili e l’attuazione di politiche più efficaci per la protezione delle popolazioni vulnerabili durante i giorni di pesante inquinamento“, ha detto Yan Li, responsabile della campagna Clima ed Energia di Greenpeace East Asia.

Smog Journeys: l’inquinamento in Cina in sette minuti ultima modifica: 2015-01-24T08:30:03+00:00 da Sara Merlino
Tags:
Smog Journeys: l’inquinamento in Cina in sette minuti ultima modifica: 2015-01-24T08:30:03+00:00 da Sara Merlino

Nata a Bra (CN) e da circa 8 anni vive e lavora a Cherasco, piccola città medievale alle porte delle Langhe, con Francesco e tre gatti. Si occupa di cultura e organizzazione di eventi gestendo un piccolo spazio nato per promuovere l'arte contemporanea sul territorio. E' convinta che la creatività sia la risorsa più preziosa; crede nel rispetto per ogni essere vivente e per l’ambiente e si impegna a dimostrarlo anche nei piccoli gesti quotidiani.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Cinema

Go to Top