spreco-cibo

La SERR si è conclusa. Un hangout ce la racconta

in Educazione|News|Rifiuti
La SERR si è conclusa. Un hangout ce la racconta ultima modifica: 2014-12-02T08:00:30+00:00 da Valeria Rocca
da

Riusa, Riduci, Ricicla: sono queste le parole d’ordine della sesta edizione della “Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti” che il 30 novembre, è giunta alla sua conclusione e di cui parleremo questa mattina alle ore 11 durante l’hangout in diretta su Google+.

hangout II

Con alcuni esperti discuteremo di quest’edizione da record per l’Italia che ha visto realizzare, nella settimana della manifestazione, ben 5643 azioni su tutto il territorio a favore della riduzione dei rifiuti e del riuso.

Come ogni anno, la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’utilizzo delle risorse ambientali, invitando a evitare gli sprechi.

Quest’anno il tema centrale è stato lo spreco, in particolare quello di cibo, ed è proprio su questo che si concetrerà la nostra Silvia Musso che modererà la tavola rotonda.

L’argomento è attualissimo e ci porta a riflettere su quanto siano mal distribuite le risorse sul nostro pianeta: c’è chi ha troppo e lo spreca, e c’è chi non ha nulla.

Lo spreco alimentare –ha affermato il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Gallettiè una delle forme eticamente più odiose della produzione di rifiuti perché innesca un consumo di risorse inutile, dannoso e riprovevole a fronte della carenza di cibo di cui soffrono ampie aree del mondo”.

La Settimana della manifestazione è stata quindi costellata, da nord a sud dello stivale, di azioni legate alla riduzione dello spreco di cibo.

Sono stati realizzati laboratori per cucinare con gli avanzi, sono state pubblicate moltissime ricette sostenibili, si sono creati laboratori per il compostaggio con gli scarti organici, si sono promossi gli eco-acquisti, i prodotti bio e a km zero, ma si sono organizzati anche laboratori di riuso e riciclo perché qualsiasi oggetto, prima di essere buttato, può essere riutilizzato o riparato. Basta avere un po’ di fantasia.

E’ facile intuire come lo spreco di cibo sia un argomento ad ampio raggio. Dobbiamo quindi essere attenti su più fronti: il primo è quello casalingo. L’effettivo spreco di cibo in cucina può essere evitato azzerando gli scarti, riutilizzando tutto ciò che è possibile. Basta pensare che a volte, dagli avanzi, si creano le migliori ricette. Il secondo aspetto sono gli sprechi al ristorante: ricordiamoci di chiedere di portare a casa gli avanzi, eviteremo così inutili sprechi. Ultimo aspetto, ma non meno importante, è quello dell’imballaggio dei cibi. Scegliamo confezioni riciclabili: evitando le confezioni usa e getta non produrremo rifiuti che inquineranno l’ambiente. E se proprio non è possibile evitarli, ponete attenzione alla raccolta differenziata.

Insomma, gli spunti di riflessione sono tantissimi e non si può che migliorare.

spreco-cibo

Prima di lasciarvi vorremmo fare i ringraziamenti. Un grazie va a tutti quelli che con passione e impegno hanno aderito alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti: moltissimi Comuni, le scuole, i commercianti, le grandi aziende e i singoli cittadini che manifestano sempre più interesse verso le tematiche ambientali.

Un riconoscimento particolare va al Comitato promotore nazionale SERR, composto da Unesco, Ministero dell’Ambiente, Associazione Comuni Italiani, Federambiente, Provincia di Torino, Provincia di Roma, Legambiente e AICA, che come ogni anno ha promosso e sostenuto questa importante iniziativa.

Con entusiasmo la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti vi dà appuntamento al prossimo anno!

 

La SERR si è conclusa. Un hangout ce la racconta ultima modifica: 2014-12-02T08:00:30+00:00 da Valeria Rocca
Tags:
La SERR si è conclusa. Un hangout ce la racconta ultima modifica: 2014-12-02T08:00:30+00:00 da Valeria Rocca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Educazione

Go to Top