Presidenza renzi unione Europea

Presidenza Renzi, clima elettrico a Bruxelles

in Clima|Libri
Presidenza Renzi, clima elettrico a Bruxelles ultima modifica: 2014-10-24T08:00:23+00:00 da Silvia Faletto
da

Bruxelles diventa teatro di una battaglia interessante. Infatti, l’odierno consiglio, diretto dalla presidenza Renzi, deciderà del futuro dell’Unione Europea in materia di clima ed energia. Affidarsi ancora agli idrocarburi o investire sul rinnovabile? 

Questa amletica decisione, destinata a protrarsi da qui al 2030, promette di condizionare fortemente il futuro del vecchio continente. 

Infatti, per quanto le energie rinnovabili stiano abbattendo i propri costi e costituiscano uno dei fattori chiave per uscire dalla crisi economica in cui ci troviamo, non sono ancora sufficientemente forti da imporre decisioni a proprio vantaggio, dato che i paesi coinvolti sono decisamente restii a modificare le politiche tradizionali. 

consiglio europeo

I dati, riguardo alla promessa non mantenutasono evidenti: la proposta iniziale da parte della Commissione Ue prevede, per il 2030, un abbassamento del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990, mentre i promotori della green economy chiedono invece obiettivi ben più incisivi, tra i quali un taglio del 60% delle emissioni di CO2.

Perché, nonostante la crescita evidente del settore, la politica non cambia? Ogni stato coinvolto ha la sua motivazione contraria: c’è chi, come la Francia, teme di perdere il suo dominio energetico, investendo in energie alternative al nucleare; c’è chi, invece, è costretto a tutelare gli interessi delle lobby per non perdere il potere politico, come in Germania. 

C’è chi, poi, è altalenante, e se da una parte decide di trivellare il Mare Adriatico, dall’altra promette nuovi investimenti nella ricerca sulle rinnovabili. In Italia, com’è noto, raramente i nostri rappresentanti sono abili a imboccare un sentiero preciso, soprattutto se lo promettono in campagna elettorale (50% di energia proveniente da fonti rinnovabili entro il 2020).

Il problema, quando si affrontano questi argomenti, è che non ci si ricorda mai del fatto che, dietro ai titoli quotati in borsa, ci sono popoli e persone che guardano all’Europa nella speranza di conoscere il futuro dei propri figli. 

futuro sostenibile

Sono i cosiddetti “giovani”: sono nati in un mondo in cui il petrolio fa talmente parte della loro esistenza da causare il cancro ai polmoni; vivono in un ambiente in cui si insegna a differenziare i rifiuti, perché la plastica ha talmente inquinato le falde da rendere l’acqua corrente non potabile; mangiano ogni giorno cibi prodotti tramite le sofisticazioni alimentari, e probabilmente hanno qualche intolleranza, per cui l’agricoltura intensiva ne causa migliaia; infine, per loro la disparità fa parte della vita quotidiana, in positivo e in negativo.

Queste persone chiedono oggi: “Se questo è il mondo che abbiamo ereditato noi, comprensivo di guerre, disparità e inquinamento, quale sarà il futuro dei nostri figli, se non mettiamo un freno all’avidità di chi ci decide?” 

Per farsi un’idea di cosa potrebbe succedere tra qualche anno e passare qualche ora in compagnia di un libro interessante, ogni età può trovare il suo genere.

Per i giovanissimi, la guida 100 libri per l’ambiente, uscita nel 2014 e disponibile gratuitamente sul web, propone 100 titoli divisi per età e argomento, tra cui sicuramente troveranno qualcosa di irresistibile!

lettura

Per i giovani e gli adulti, la collana Verdenero di Edizioni Ambiente propone titoli di narrativa e di saggistica, tra cui “Lapponi e criceti”, un romanzo ambientato a Milano, in cui lo scenario dell’EXPO 2015 fa da teatro ad una vicenda intrigante e ricca di colpi di scena, nella quale l’ambiente risulta il “protagonista celato“.

Infine, per ambientalisti giovanili ma esperti, ci sono i manuali proposti dalla tradizionale Feltrinelli, tra cui spiccano le “Dieci azioni per zero rifiuti”: qui incontriamo nuove prospettive per approfondire questo argomento e sperimentare soluzioni utili anche al risparmio quotidiano. 

Tutti noi dobbiamo sperare che i governanti europei abbiano letto qualcuna di queste opere, prima di sedere al tavolo delle trattative. Ipotizzando di aver votato per il meglio, forse la loro lettura, da parte nostra, è un buon inizio, se non altro per discutere del nostro futuro in maniera più consapevole.

Presidenza Renzi, clima elettrico a Bruxelles ultima modifica: 2014-10-24T08:00:23+00:00 da Silvia Faletto
Tags:
Presidenza Renzi, clima elettrico a Bruxelles ultima modifica: 2014-10-24T08:00:23+00:00 da Silvia Faletto

25 anni, vive a Torino, dove studia geografia e lavora presso la scuola del Cottolengo con bambini meno fortunati di lei. Orgogliosamente eporediese (abitante di Ivrea, per i neofiti), la battaglia delle arance è un nervo scoperto del suo carattere: a coloro che la definiscono "poco ecologista" è in grado di rispondere argomentando il contrario! Ama andare in montagna, nuotare, viaggiare, conoscere ed aiutare gli altri. Curiosa ed attenta al mondo, odia i pregiudizi ed il "è impossibile!". Ritiene che l'esperienza e il confronto siano il fondamento della civiltà e della cultura, e per questo... Fa molti errori. Ama scrivere, sorridere e prova ogni giorno a lasciare il mondo un po' migliore di come l'ha trovato. Oltre a lavorare a scuola e studiare all'università, parla 4 lingue ed è un' europrogettista. Ultimamente si sta appassionando alla fotografia. Il suo motto? "la geografia salverà il mondo!".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Clima

Go to Top