tiempo_atmosferico-

SOS climatico, i primi e gli ultimi

in Clima|News
SOS climatico, i primi e gli ultimi ultima modifica: 2014-10-10T08:30:26+00:00 da Silvia Faletto
da

Solitamente, quando pensiamo a “primo” e “ultimo” non li accostiamo: il primo è colui che apre, scopre, vince, affronta, taglia il traguardo con un tempo inferiore rispetto agli altri. L’ultimo, invece, è sempre colui che chiude, raccoglie, verifica, arriva alla fine di una gara.

Riguardo alla questione climatica, invece, tutti noi siamo contemporaneamente i primi e gli ultimi: la nostra è la prima generazione a doversi interfacciare con le minacce degli sconvolgimenti climatici in corso, ma è anche l’ultima a poter fare qualcosa.

ivrea mombarone corsa in montagna

Questo è ciò che emerge dal recente allarme lanciato dalle associazioni ambientaliste europee, che chiedono al primo ministro Matteo Renzi, prossimo al semestre di presidenza della commissione europea, di non perdere quest’occasione per lanciare una reale svolta in questo ambito.

Infatti, secondo i dati ribaditi oggi durante il convegno EUROPA 2030 a Roma, entro il 2050 la popolazione mondiale aumenterà di ulteriori 2 miliardi, passando da 7 a 9 miliardi. Inoltre, dal 1998 questi sono stati i 10 anni più caldi, con uno quota procapite di consumo di combustibili fossili assestata all’85%.

Per questo, GREENPEACE, WWF e LEGAMBIENTE chiedono oggi al governo Renzi un impegno reale volto a stipulare in Europa un nuovo accordo su clima ed energia, proprio in vista del prossimo Consiglio Europeo, previsto il 23 e 24 ottobre. 

locandina europa2030

Le richieste sono ambiziose e, se rispettate, promettono di modificare radicalmente le scelte climatiche ed energetiche dei prossimi 15/20 anni: entro il 2030 si dovrebbe arrivare, in Europa, ad emissioni inquinanti inferiori del 55%, ad un aumento del +45% di utilizzo dell’energia proveniente da fonti rinnovabili, ed a un consumo energetico procapite sceso del 40%. Questa è la misura minima per contenere il riscaldamento globale, secondo le associazioni ambientaliste.

Visti gli eventi di questi giorni e degli ultimi mesi, viene da pensare che abbiano ragione: proprio in queste ore il tifone VonGong, il secondo più grande mai registrato nella storia della Terra ed il più violento dell’anno, si sta abbattendo sulle coste del Giappone, e le immagini della grandinata in Puglia stanno facendo il giro di tutte le emittenti televisive italiane. Senza considerare quello che è accaduto nella notte a Genova.

Con venti superiori ai 265 chilometri orari, la maxi perturbazione è destinata ad avere una forza equivalente alla categoria 5 della scala Safir Simpson per gli uragani. Haiyan, che lo scorso anno ha devastato parti delle Filippine, provocando oltre 6.000 morti e più di 1800 dispersi, era della medesima categoria. Resta comunque la speranza che, nelle prossime ore, questa tempesta perda forza, evitando danni a cose e persone.

tifone VongFong

Essere gli ultimi significa non poter più parlare di coincidenze: i dati sono stati raccolti, alle performance evidenti sono state fornite tutte le scuse possibili. Come unica opportunità resta il riconoscere la verità e fare qualcosa per ottenere una migliore posizione.

Abbiamo una fortuna: siamo anche i primi. Per questo, abbiamo tutte le possibilità di esplorare nuove soluzioni, senza che nulla ci ostacoli il cammino, ma, anzi, per ogni buona soluzione trovata raccoglieremo il favore dei tifosi – generazioni – già posizionati sulle prossime miglia.

corsa in montagna vincitore

Tuttavia, è ormai vietato barare in qualsiasi modo: è tutto stato provato da coloro che ci hanno preceduto.

Matteo Renzi sceglierà di guidare questa corsa, finalmente con proposte reali e possibili o sarà l’ennesimo ultimo degli ultimi, troppo poco coraggioso per iniziare quel cambiamento che Gandhi diceva dover partire da noi stessi?

E noi lo seguiremo nel nostro quotidiano oppure nasconderemo la testa sotto la sabbia ancora una volta, rifugiandoci nelle nostre abitudini?

domanda

Se questo fosse, c’è da sperare che i nostri danni non siano troppo gravi. Tuttavia, in tal caso le prospettive non sono allettanti.

SOS climatico, i primi e gli ultimi ultima modifica: 2014-10-10T08:30:26+00:00 da Silvia Faletto
Tags:
SOS climatico, i primi e gli ultimi ultima modifica: 2014-10-10T08:30:26+00:00 da Silvia Faletto

25 anni, vive a Torino, dove studia geografia e lavora presso la scuola del Cottolengo con bambini meno fortunati di lei. Orgogliosamente eporediese (abitante di Ivrea, per i neofiti), la battaglia delle arance è un nervo scoperto del suo carattere: a coloro che la definiscono "poco ecologista" è in grado di rispondere argomentando il contrario! Ama andare in montagna, nuotare, viaggiare, conoscere ed aiutare gli altri. Curiosa ed attenta al mondo, odia i pregiudizi ed il "è impossibile!". Ritiene che l'esperienza e il confronto siano il fondamento della civiltà e della cultura, e per questo... Fa molti errori. Ama scrivere, sorridere e prova ogni giorno a lasciare il mondo un po' migliore di come l'ha trovato. Oltre a lavorare a scuola e studiare all'università, parla 4 lingue ed è un' europrogettista. Ultimamente si sta appassionando alla fotografia. Il suo motto? "la geografia salverà il mondo!".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Clima

Go to Top