Frittelle di bucce di fichi d'India

Frittelle di bucce di fichi d’India

in Ricette
Frittelle di bucce di fichi d’India ultima modifica: 2014-08-17T08:30:28+00:00 da Sara Panarella
da

Sono da qualche giorno in vacanza nella calda Puglia. Cosa preparare da qui? Le frittelle di bucce di fico d’India naturalmente!

Avevo in mente questa ricetta da vario tempo e aspettavo solo di avere a disposizione la materia prima, cioè i fichi d’India che qui si vedono ovunque. Da adesso, visto che il mal tempo ha ritardato la loro maturazione, fino a ottobre inoltrato, si troveranno anche sui banchi dei fruttivendoli. Un modo in più di gustare il frutto dell’Opuntia ficus-indica, questo il nome scientifico di questa succulenta pianta originaria del Messico (compare anche sulla loro bandiera nazionale tanto è importante per loro ) da cui si è diffuso in tutto il bacino mediterraneo e oltre.

Bandiera del Messico
Bandiera del Messico

In questo caso ringrazio mia suocera per la ricetta, imparata da sua nonna, la nonna Anna. È un dolce che sa di tempi passati, dove veramente non si buttava via nulla e da ogni alimento si ricavava tutto il possibile. Se pensiamo quanto siano le bucce su un chilo di fichi d’India avremo un’idea di quanto eliminiamo, sia se i fichi li abbiamo comprati, e quindi abbiamo pagato anche la buccia, sia se li abbiamo raccolti, per il lavoro che per prenderli abbiamo dovuto fare. In questo modo possiamo utilizzare quasi tutto il frutto scartando solo la parte esterna più dura, ottenendo in più un dolce sano e nutriente.

Ingredienti:

Fichi d’India

Uova (indicativamente un uovo ogni 10 bucce di fico)

Due/tre cucchiai di latte ogni uovo

Sale e zucchero

Farina

Cannella in polvere se piace

Fico d'India privato dalla buccia
Fico d’India privato dalla buccia

Dopo aver privato i fichi d’India delle bucce, naturalmente ben lavate, si mettono da parte i frutti e ci si dedica alle prime. La buccia è molto spessa: bisogna ricavarne la parte carnosa eliminando la scorza più esterna. Credo che la foto possa far capire meglio cosa intendo.

È un lavoro abbastanza lungo, perfetto per la controra pugliese, quel momento della giornata in cui il sole caldo sembra schiacciare al suolo ogni cosa e ci si difende stando in casa o comunque all’ombra, riposando o comunque rilassandosi. Rende perfetto un lavoro simile il farlo in compagnia, chiacchierando e bevendo qualcosa di fresco.

Fico d'India e polpa della buccia
Fico d’India e polpa della buccia

Una volta ottenuta la polpa delle bucce occorre passarle nell’uovo sbattuto e salato, diluito con un pò di latte, poi nella farina e nuovamente nell’uovo. Volendo si può mettere anche un cucchiaino di zucchero ma dipende dai gusti, le frittelle risultano comunque dolci. Prossimamente proverò a eliminare il primo passaggio nell’uovo ma la ricetta originale prevede questo.
Una volta fritte spolverare con zucchero a velo e mia suocera consiglia anche un po’ di cannella in polvere.

Frittelle di bucce di fichi d'India
Frittelle di bucce di fichi d’India

Buon appetito!

Frittelle di bucce di fichi d’India ultima modifica: 2014-08-17T08:30:28+00:00 da Sara Panarella
Tags:
Frittelle di bucce di fichi d’India ultima modifica: 2014-08-17T08:30:28+00:00 da Sara Panarella

Vive a Torino, bibliotecaria. Si laurea in Filosofia interessandosi di bambini e multiculturalità e si avvicina alla psicoanalisi e alla cura del pensiero. Ha poi quattro bimbi e un cane che insieme a tanta effervescenza aggiungono interessi nuovi, maggior attenzione per l’ambiente e gli antichi mestieri e saperi, lavorazione dell’argilla, uncinetto, raccolta e utilizzo delle erbe. Una moderna “Strega in famiglia”!

5 Commenti

  1. secondo il mio parere è necessario togliere quella pellicola esterna dove ci sono le spine perchè è molto dura da masticare. ma nelle varie ricette non viene mai menzionato questo passaggio importante.

    • Ciao, per eliminare la pelle della buccia è essenziale molta pazienza e un coltello. Si capisce cosa eliminare perché cambia consistenza e inserendo il coltello in quel punto si procede a togliere la pelle esterna. Come detto è un lavoro abbastanza lungo. Forse potrebbe essere più semplice eliminare la pelle prima di sbucciare il fico in modo da avere in mano qualcosa di più consistente, che scivoli via di meno.
      Spero di essere stata utile.
      Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Ricette

Go to Top