Emory Douglas, Zapatera Negra

Vegetation as a political agent al PAV di Torino

in Arte|Educazione
Vegetation as a political agent al PAV di Torino ultima modifica: 2014-07-24T08:00:59+00:00 da Sara Merlino
da

Piero Gilardi, O.G.M. Free
Piero Gilardi, O.G.M. Free

 

Il “verde” sta tornando prepotentemente, e per fortuna, ad avere un ruolo decisivo all’interno delle forme della costruzione sociale. E’ necessario, anzi urgente, e l’abbiamo capito (forse).

Ma da quando si parla di “ecologia”? Chi sono stati i pionieri della rivoluzione ecologica? Come il mondo vegetale ha condizionato la storia politica e sociale? E se vi dicessi che risposte a queste domande le potete trovare in una mostra artistica piuttosto singolare?

Emory Douglas, Zapatera Negra
Emory Douglas, Zapatera Negra

Avete tempo ancora fino al 2 novembre per recarvi a Torino presso il PAV (Parco Arte Vivente) e vistare la collettiva curata da Marco Scotini, intitolata“Vegetation as a political agent”.

Si tratta di un progetto che narra la storia dell’elemento vegetale e dei momenti storici in cui esso ha rappresentato un segno di emancipazione sociale.

Questa esposizione vede protagonisti 13 artisti internazionali che si sono sbizzarriti con interventi artistici e architettonici; ma ci sono anche documenti che attestano le prime rivoluzioni ecologiche, illustrazioni, materiali d’archivio e manifesti prodotti in un’ampia varietà di contesti culturali differenti. La geopolitica che ne fa da sfondo va dall’Oceano Indiano (Isole Mauritius e Réunion) alla Guinea-Bissau, dal Sudafrica al territorio messicano.
Attraverso il percorso espositivo, tra artisti e attivisti verdi, potrete conoscere quali furono i primi movimenti di difesa del proletariato rurale, scoprire cos’è il “treesitting”(forma di protesta in difesa degli alberi), ammirare progetti di arte e orticoltura urbana e meravigliarvi di fronte all’archivio globale di semi.

Sono presentate anche forme di espressione e immaginari collettivi sui temi della rivoluzione verde con le maschere e i costumi disegnati da Piero Gilardi e indossati nelle animazioni teatrali contro l’impiego di OGM nelle coltivazioni di mais.

RozO, When vegetation is noi decoration
RozO (Philippe Zourgane e Severine Roussel)
When vegetation is not decoration

Nella corte del PAV potrete poi osservare le due installazioni ambientali realizzate per questa esposizione: il gruppo Rozo, che ha costruito una vera e propria architettura vegetale, un rifugio chiamato “Salle verte”; il collettivo americano Critical Art Ensemble che ha creato invece “Sterile field” una porzione di terreno, in parte ricavata da un lembo di strato erboso del parco del PAV e reso disponibile per l’operazione, lavorata con il metodo roundup ready, procedimento chimico di diserbo invasivo che, su lunga durata, distrugge la biodiversità.

Insomma, un’occasione unica per fare il punto della situazione sul ruolo della “vegetazione” e di come essa possa innescare e contribuire a un necessario e auspicabile processo di “de programmazione” architettonico, economico e sociale.

Il sentiero perduto: imparare dall’eredità di George Chan
Fernando Garcia – Dory, Dream Farms
The Lost Path: Learning from George Chan’s Legacy

Il PAV si trova in Via Giordano Bruno, 31 – Torino
Orari: venerdì, 15 – 18; sabato e domenica, 12 – 19. Gratuito l’ultima domenica del mese.

Gruppi e scuole possono visitare il museo, le mostre e il parco, così come partecipare alle attività, dal martedì al venerdì (ore 10 – 17). Su prenotazione.

Vegetation as a political agent al PAV di Torino ultima modifica: 2014-07-24T08:00:59+00:00 da Sara Merlino
Tags:
Vegetation as a political agent al PAV di Torino ultima modifica: 2014-07-24T08:00:59+00:00 da Sara Merlino

Nata a Bra (CN) e da circa 8 anni vive e lavora a Cherasco, piccola città medievale alle porte delle Langhe, con Francesco e tre gatti. Si occupa di cultura e organizzazione di eventi gestendo un piccolo spazio nato per promuovere l'arte contemporanea sul territorio. E' convinta che la creatività sia la risorsa più preziosa; crede nel rispetto per ogni essere vivente e per l’ambiente e si impegna a dimostrarlo anche nei piccoli gesti quotidiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Arte

Go to Top