bring-home-box

Perché è giusto chiedere al ristorante la doggy bag

in Alimentazione|Rifiuti
Perché è giusto chiedere al ristorante la doggy bag ultima modifica: 2014-07-22T08:00:40+00:00 da Federica Gemma
da

È notizia recente che la Corte di Cassazione ha emesso una sentenza a favore della famosa “doggy bag” cioè il sacchetto degli avanzi, da portare a casa se non si è finito il pasto al ristorante. Con la sentenza n. 29942 dell’8 luglio infattila Suprema Corte ha accettato il ricorso di un turista in un albergo friulano, condannato per ingiurie durante una lite con il gestore del posto dovuta al divieto di avere una doggy bag e al rifiuto di riempire la borraccia con l’acqua avanzata in tavola. Così la “doggy bag” è stata definita nella sentenza parte delle “regole comunemente accettate nella civile convivenza”.

ikea_sprechi_alimentari

Eppure in Italia la doggy bag è davvero poco diffusa, mentre si sa che negli USA è pratica comune (promossa anche dalla First Lady Obama) andare al ristorante e portarsi a casa gli avanzi, anche se nel nostro Paese un colosso come lIKEA ha recentemente introdotto dei contenitori apposta per lo scopo.

Ma cosa ci frena nel chiedere di poter avere un contenitore perché non si riesce a finire la pietanza o la pizza che abbiamo davanti? In primis, il senso di vergogna, come se stessimo facendo qualcosa di sbagliato o poco accettato socialmente.

doggy bag scozia

Proviamo allora a pensare ai diversi vantaggi del richiederla, per battere un po’ il senso di inadeguatezza che ci può cogliere:

1) È ecologica. Qui si parla di spreco di cibo, che va direttamente e nel migliore dei casi, nel bidone dell’umido. Perché? Potremmo riscaldarlo il giorno dopo e mangiarcelo!

2) È economica. È cibo che abbiamo pagato, quindi è nostro, cosa ci impedisce di averlo se non l’abbiamo terminato?

3) È un buon metro di giudizio sul ristorante/pizzeria dove ci siamo recati. Non dico che tutti i locali debbano essere attrezzati con meravigliose doggy bag di design, ma non credo che nei ristoranti ci sia penuria di vaschette da asporto e nelle pizzerie di scatole apposite per metterci la vostra fetta avanzata. Se un locale è ben disposto verso il cliente, si vede anche da questo.

4) Diamo il buon esempio. Se siamo a tavola con amici, con parenti, con i nostri bambini, daremo il buon esempio e magari la prossima volta la chiederà anche qualcun altro, con il risultato di “sdoganare” una pratica ancora così poco diffusa.

buta stupa

E per il bere?

C’è attivo da anni sul territorio nazionale un interessantissimo progetto, chiamato in dialetto piemontese “Buta Stupa” (letteralmente bottiglia stappata), sul loro sito internet è possibile cercare i locali aderenti all’iniziativa, che consegnano da portare a casa agli avventori la bottiglia aperta -ma non totalmente consumata- durante il convivio.

Non restare che buttarsi… e provare!

Perché è giusto chiedere al ristorante la doggy bag ultima modifica: 2014-07-22T08:00:40+00:00 da Federica Gemma
Tags:
Perché è giusto chiedere al ristorante la doggy bag ultima modifica: 2014-07-22T08:00:40+00:00 da Federica Gemma

Laureata in Scienze della comunicazione, con una specializzazione in sociologia ambientale, è curiosa di tutto e tutti. Tiene corsi, legge, scrive, comunica. Adora la cucina e vivere in modo sostenibile. Il suo motto è: "Ogni posto è buono per fare la raccolta differenziata, non ci sono scuse"

3 Commenti

  1. bello! e secondo me è anche una soddisfazione per il ristoratore, vuol dire che le pietanze sono state gradite, tanto da portarsele pure a casa!
    Vi segnalo inoltre un’altra iniziativa promossa da AIS Associazione Italiana Sommelier che si chiama “Portami Via” che incentiva i locali ad agevolare i clienti per portarsi via la bottiglia di vino che non si è finita a tavola, fornendo appositi e comodi sacchetti “wine bag” a misura di bottiglia. Buon appetito!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Alimentazione

Go to Top