Mona Lisa, Vik Muniz

Vik Muniz e la Waste Land

in Cultura|Rifiuti
Vik Muniz e la Waste Land ultima modifica: 2014-07-17T08:00:37+00:00 da Sara Merlino
da

Vik Muniz
Vik Muniz

Vik Muniz e la sua Waste Land. Forse questo artista è in assoluto colui che ha saputo mescolare in modo magistrale i concetti di rifiuto, arte, ri-circolo e “upcycling” in un qualcosa che diviene “ode alla vita stessa”. E lo ha fatto in una maniera toccante e sorprendente. Stiamo parlando di un uomo che è nato e ha trascorso la sua infanzia in Brasile, in povertà e precarietà e che per un caso, una fatalità, oltre naturalmente a un innegabile talento, è diventato un artista affermato e quotato in tutto il mondo. Ora vive tra New York e Rio de Janeiro.

Mona Lisa, Vik Muniz
“Double Mona Lisa, after Warhol”, burro di arachidi e marmellata

Tutto comincia con la passione di Vik per l’utilizzo di “ingredienti” poveri, piuttosto comuni, per creare opere d’arte: zucchero e caffè, fili, stoffe, carta. Ogni materiale è per lui fonte di ispirazione. Ma il progetto Waste Land, narrato nel bellissimo documentario “Waste Land” di Lucy Walker va oltre tutto questo. Muniz si reca in una delle più grandi discariche del Mondo, Jardim Gamacho a Rio de Janeiro. Un posto dove confluiscono i rifiuti solidi di una megalopoli. Qui, non solo comporrà opere d’arte con oggetti “rubati” alla discarica; ma lo farà avvalendosi del prezioso aiuto di chi vive e trae sostentamento da questo inferno, i catadores, uomini, donne, ragazzi, che cercano tra la spazzatura, ogni giorno e incessantemente, qualcosa di salvabile, di utile, di “buono”. Loro, questi disperati dall’incrollabile dignità, contribuiranno alla creazione delle opere d’arte. Lui, Vik Muniz, li immortalerà in giganto-ritratti, costituiti propri da quei maledetti rifiuti. Un’ode a chi vive della spazzatura gettata da altri. Come poesie struggenti, queste enormi istallazioni sono un canto all’umanità che si distrugge con le sue stesse mani, ma che potrebbe avere la forza di rinascere, se solo lo volesse. Dietro ogni scatto fotografico che Vik fa per immortalare le composizioni, c’è una storia umana, un’esistenza che vive o sopravvive in questa discarica.

Il ritratto di Irma visto dall'alto
Il ritratto di Irma visto dall’alto

 

The Waste Land, Vik Muniz
The Waste Land, Vik Muniz

Vik Muniz espone le sue opere in musei, gallerie d’arte e spazi culturali in tutto il mondo, dagli Stati Uniti, al Sud America, all’Europa. Attualmente sta esponendo al festival “Les Recontres d’Arles Photographie” (dal 7 giugno al 21 settembre 2014) una serie di opere composte da fotografie, cartoline e ritagli di giornali, assemblate per ricostruire ritratti e scene quotidiane e luoghi che non esistono più come le Twin Towers o una spiaggia di Beirut.

Il suo occhio è sempre alla Terra e alla sua esistenza in bilico tra autodistruzione e rinascita.

Vik Muniz e la Waste Land ultima modifica: 2014-07-17T08:00:37+00:00 da Sara Merlino
Tags:
Vik Muniz e la Waste Land ultima modifica: 2014-07-17T08:00:37+00:00 da Sara Merlino

Nata a Bra (CN) e da circa 8 anni vive e lavora a Cherasco, piccola città medievale alle porte delle Langhe, con Francesco e tre gatti. Si occupa di cultura e organizzazione di eventi gestendo un piccolo spazio nato per promuovere l'arte contemporanea sul territorio. E' convinta che la creatività sia la risorsa più preziosa; crede nel rispetto per ogni essere vivente e per l’ambiente e si impegna a dimostrarlo anche nei piccoli gesti quotidiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Cultura

Go to Top