cinemambiente

Inaugura Cinemambiente: i gorilla amano la bicicletta!

in Cinema|News
Inaugura Cinemambiente: i gorilla amano la bicicletta! ultima modifica: 2014-06-01T08:30:46+00:00 da Silvia Faletto
da

L’edizione 2014 di Cinemambiente si apre con un omaggio alla bicicletta ed ai ciclisti.

locandina CA

Dopo il bike gala fino al red carpet posto all’ingresso del cinema Massimo, a Torino, la serata comincia con un breve ma illuminante documentario riguardante il rapporto tra gli olandesi e questo mezzo di trasporto.

J. Von Vundenberg ci accompagna attraverso le via di Amsterdam, dove la bicicletta è l’estensione naturale degli abitanti, almeno quanto l’automobile lo è per i torinesi.

parcheggio bici amsterdam

Fantascienza? Costi delle infrastrutture troppo elevati per essere affrontati? Al contrario.

La bicicletta è, invece, un accurato investimento, il cui ritorno economico è immediato e vario. Oltre a spendere meno per depuratori e combattere costantemente contro l’inquinamento atmosferico, questo mezzo può essere venduto al dettaglio, affittato e comprato, creando lavoro ed opportunità di sviluppo, anche dal punto di vista della viabilità.

Su questo tema interviene poi Enzo La Volta, assessore all’ambiente del comune di Torino, il quale, tra le varie iniziative del comune, segnala il BICIPLAN, un vero e proprio piano urbanistico volto a coprire la rete cittadina ed i comuni limitrofi con la pista ciclabile ed il bike sharing.

biciplan torino

Ce la si farà? Per ora, dei 60 mln di euro necessari, solo 1,5 mln è disponibile, ricavato dalle multe agli automobilisti che commettono infrazioni. Un modo virtuoso per applicare la legge del contrappasso, afferma scherzosamente l’assessore durante il suo intervento.

Proseguendo poi nella serata, la palla passa al film – documentario Virunga, proiettato per la seconda volta in Europa e dedicato all’omonimo parco, sito nel Congo Orientale.

virunga

Qui, la multinazionale SOCO (per 1/4 italiana) sta verificando la presenza del petrolio per la futura estrazione, mettendo a rischio le popolazioni locali e, soprattutto, la sopravvivenza degli ultimi 800 gorilla di montagna.

Gli interessi internazionali rappresentati dalla SOCO non rovinano solo l’equilibrio naturale  e sociale dell’area, ma anche quello politico: i progressi verso la pace a la salvaguardia della zona, faticosi ma costantemente realizzati dal 2008 al 2012, sono andati completamente in fumo quando la guerriglia ribelle della formazione M23 ha intrecciato rapporti di interesse per il petrolio, finendo per invadere l’area del parco e gettando il paese in una nuova guerra civile.

virunga orfanotrofio

Si può fermare tutto questo? Secondo i rangers del Virunga, il regista del documentario ed Isabella Pratesi – rappresentante del WWF – è ancora possibile.

Tuttavia, per allontanare gli interessi del mondo degli affari dal parco nazionale di Virunga e dagli altri parchi africani, serve l’impegno quotidiano di ognuno di noi.

Ad esempio, stando attenti a ciò che compriamo nei negozi e privilegiando la bici rispetto all’automobile – lo sapevate che il 60% dei nostri viaggi è inferiore ai 5 km? – , evitiamo di finanziare quelle grandi multinazionali la cui trasparenza ed onestà può spesso essere messa in dubbio.

virunga movie

Inoltre, possiamo firmare la petizione del WWF, direttamente attraverso il sito web, oppure fare una donazione per le vedove dei rangers morti per difendere il parco.

Infine, parliamo, diffondiamo l’informazione e facciamo in modo che sia la stessa opinione pubblica a cambiare le cose, boicottando quello stile di vita e pensiero che, presto o tardi, porterà tutti alla distruzione.

Inaugura Cinemambiente: i gorilla amano la bicicletta! ultima modifica: 2014-06-01T08:30:46+00:00 da Silvia Faletto

25 anni, vive a Torino, dove studia geografia e lavora presso la scuola del Cottolengo con bambini meno fortunati di lei. Orgogliosamente eporediese (abitante di Ivrea, per i neofiti), la battaglia delle arance è un nervo scoperto del suo carattere: a coloro che la definiscono "poco ecologista" è in grado di rispondere argomentando il contrario! Ama andare in montagna, nuotare, viaggiare, conoscere ed aiutare gli altri. Curiosa ed attenta al mondo, odia i pregiudizi ed il "è impossibile!". Ritiene che l'esperienza e il confronto siano il fondamento della civiltà e della cultura, e per questo... Fa molti errori. Ama scrivere, sorridere e prova ogni giorno a lasciare il mondo un po' migliore di come l'ha trovato. Oltre a lavorare a scuola e studiare all'università, parla 4 lingue ed è un' europrogettista. Ultimamente si sta appassionando alla fotografia. Il suo motto? "la geografia salverà il mondo!".

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verra pubblicato

*

Ultimi articolo di Cinema

Go to Top