Retroilluminati

La spiaggia ha una memoria da elefante – Marevivo

in Rifiuti
La spiaggia ha una memoria da elefante – Marevivo ultima modifica: 2012-07-19T09:57:47+00:00 da eleonora anello
da

Vi capita in spiaggia di avere la sensazione di essere sdraiati in un posacenere? I vostri figli decorano i loro castelli di sabbia con mozziconi di sigaretta? Una cattiva abitudine difficile da debellare. Un vizio nel vizio. Stiamo parlando delle centinaia di migliaia di mozziconi che invadono le nostre spiagge.

 

sigarette sulla spiaggia

 

Per tutti coloro che non hanno ancora capito che i rifiuti non si abbandonano e anzi vanno conferiti negli appositi contenitori, torna puntuale la campagna di sensibilizzazione dell’associazione ambientalista Marevivo, che per il quarto anno si dedica a questa fastidiosa quanto dannosa abitudine difficile da debellare.

Retroilluminati

Creata da Roncaglia & Wijkander, il messaggio rivolto a tutti i bagnanti si incentra sul fattore ricordo. Il claim recita infatti Il mare non dimentica. Per lasciare un rifiuto ci metti un secondo. La spiaggia se lo ricorderà per anni e campeggia sull’immagine di una testa di elefante che si fa spiaggia.

A guardare le persone che vanno al mare, le tipologie dei maleducati sono svariate. C’è chi non raccoglie nulla e chi invece, pur non lasciando alcun ricordino, sorvola sui mozziconi. Ma per quale motivo buttare correttamente e diligentemente tutto ad eccezione delle sigarette spente? Perché scegliere di recarsi nei luoghi più belli per lasciarli sporchi? Disinteresse, distrazione o forse inconsapevolezza delle conseguenze che quell’abbandono può causare non solo al paesaggio ma anche agli esseri viventi che lo abitano? Forse non si rendono conto che il mozzicone di sigaretta, per tutte le sostanze nocive che contiene, può essere considerato un rifiuto speciale a tutti gli effetti. Inoltre, le cicche impiegano per degradarsi da 1 a 5 anni e, secondo dati forniti dall’UNEP, rappresentano il 37% della spazzatura raccolta nel Mediterraneo.

Ritornando alla campagna di sensibilizzazione, Armando Roncaglia, presidente dell’omonimo gruppo, afferma: «La problematica è sempre quella di fare una corretta comunicazione ambientalista. Non è facile, si toccano temi solo all’apparenza semplici, si lavora contro l’ineducazione, la disattenzione e la trascuratezza da una parte, e la disinformazione dall’altra». Ma ad oggi le soluzioni messe in atto sono numerose anche se i risultati stentano ad arrivare. Dal divieto di fumare in spiaggia, come a Porto Torres, alla distribuzione o al noleggio di posaceneri portatili; dalle multe salate inflitte a chi sorpreso a gettare le cicche a terra di Trento e Pollica, alle telecamere di Cornedo, nel vicentino. A Lecce, uno dei comuni virtuosi che si è schierato contro questa cattiva abitudine, la multa viene fatta ai commercianti che non posizionano i posacenere all’esterno degli esercizi.

L’effetto deterrente è dunque discreto. Di sicuro però tali strategie hanno il merito di far riflettere le persone. Certo è che sullo smaltimento c’è ancora molto da fare. Eppure qualcosa si sta muovendo. L’ENEA da un paio d’anni sta studiando il modo per trasformare i mozziconi in energia, mentre negli Stati Uniti alcune società stanno sperimentando dei programmi per incoraggiare le persone a raccogliere le loro ‘cicche’, fornendo la spedizione gratis.

VESTIDO HDR

Anche il mondo dell’arte è rimasto particolarmente impressionato da questo fenomeno. In Cile Alexandra Guerrero ha trovato il modo di ricavare dei tessuti dai mozziconi che hanno dato vita a un’intera collezione moda prodotta dalla Mantis. Tom Deininger invece realizza quadri e sculture.

 

Rabbit Tom Deininger

 

Ovvio dire che la soluzione migliore per noi e per l’ambiente è smettere di fumare… Se proprio non ci si riesce, facciamo in modo di comportarci in modo responsabile e ricordiamoci che, con un piccolo sforzo, possiamo preservare la natura. Anche in vacanza!

La spiaggia ha una memoria da elefante – Marevivo ultima modifica: 2012-07-19T09:57:47+00:00 da eleonora anello
Tags:
La spiaggia ha una memoria da elefante – Marevivo ultima modifica: 2012-07-19T09:57:47+00:00 da eleonora anello

Vive a Torino. E' giornalista pubblicista, laureata in scienze della comunicazione. Vegetariana ed ecologista, è appassionata di ambiente e di come viene comunicato. Ama il sole e non potrebbe fare a meno del mare. Si sente la paladina dell'ambiente. Per fortuna nella vita privata è mamma di due splendide bimbe che la portano con i piedi per terra. Odia parlare in pubblico e per questo... scrive.

Ultimi articolo di Rifiuti

Go to Top